0421.73346

Endonzia

endo

 

La devitalizzazione (anche cura canalare o trattamento endodontico) è un trattamento che consiste nel rimuovere il tessuto della polpa dentaria (un tessuto connettivo che comprende arteriole, venule, nervo e odontoblasti) . Può succedere, a causa di svariati motivi (per esempio una carie molto estesa e profonda oppure un trauma) la polpa si infiammi e si infetti (si parla in questo caso di pulpite); il processo infiammatorio può propagarsi in sede extrapicale diffondendosi all’osso alveolare prossimale causando lesioni quali il granuloma o l’ascesso dentale. In questi casi è necessario ricorrere alla cosiddetta devitalizzazione. La devitalizzazione può anche essere necessaria nel caso che un precedente trattamento endodontico sia stato eseguito in modo non corretto; in questo ultimo caso si parla di ritrattamento endodontico (anche ritrattamento canalare). Di fatto con la devitalizzazione si interviene rimuovendo tutto il tessuto della polpa interessata e tutti i residui di tipo batterico che si trovano all’interno del canale radicolare; si procede poi alla disinfezione e all’allargamento di detto canale e lo si riempie con del materiale inerte in modo da evitare che si verifichi una nuova proliferazione batterica. Il materiale inerte inserito è una pasta che viene in seguito rimossa; dopodiché la camera pulpare e i canali radicolari vengono nuovamente riempiti e sigillati con del materiale biocompatibile, generalmente la guttaperca, una macromolecola di origine vegetale simile al caucciù. La devitalizzazione è un tipo di intervento che consente il salvataggio anche di elementi dentari severamente danneggiati da carie profonde o da traumi. Nel periodo che trascorre fra una seduta di devitalizzazione e l’altra possono verificarsi la comparsa di sensibilità, dolenzia e leggero gonfiore, problemi di poco conto che generalmente vengono risolti con l’assunzione di farmaci ad azione analgesica. Se il gonfiore appare eccessivo è opportuno rivolgersi al proprio dentista il quale, se lo ritiene opportuno, potrà prescrivere un farmaco ad azione antibiotica. Anche quando la devitalizzazione sarà stata portata a termine è possibile che permanga per alcune settimane una certa sensibilità alla percussione o alla masticazione. Se tale sintomatologia si protrae per un periodo di tempo eccessivo è necessario che il dentista faccia le opportune verifiche.

 

 

LA DEVITALIZZAZIONE DEI DENTI DA LATTE

Si devitalizza per togliere il dolore o il fastidio al bambino (sempre che il dente non sia già necrotico).La profondità della carie (valutabile ad esempio con radiografia endorale) è elemento decisionale che ci fa propendere verso la semplice otturazione o la devitalizzazione. Inoltre, quando si decide di intervenire sul tessuto vitale del dente (la polpa) non sempre si opta per la rimozione totale della stessa (pulpectomia), ma si può anche ricorrere alla sola rimozione della sola polpa coronale (pulpotomia), in modo da togliere i sintomi dolorosi e temporeggiare fino a quando il dente può essere estratto. A volte si cerca di posticipare l’estrazione del dente da latte in modo da favorire l’eruzione del dente permanente. Quindi in certi casi si cerca di mantenere il più possibile in arcata il dente “da latte”, appunto per favorire l’eruzione del dente permanente.

 

Il sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

UTILIZZO DEI COOKIES INFORMATICI
La presente informativa sui cookie fornisce una panoramica riassuntiva su come dottravazzolo.it utilizza i cookie sul proprio sito internet.

Consenso all’utilizzo dei cookie
Navigando sul sito l’utente ACCONSENTE all’utilizzo dei cookie così come descritto da questa informativa.
In caso contrario il presente sito non fornirà all’utente un corretto utilizzo dello stesso.

Che cookies utilizza questo sito?
Tecnici Utilizziamo solamente cookies tecnici anonimi indispensabili per il corretto funzionamento del sito, per la gestione della sessione e per le funzionalità interne del nostro sistema.
Analitici Utilizziamo cookies di terze parti (Google), per analizzare il comportamenti dei visitatori a scopi statistici e in modo assolutamente anonimo. Questo ci aiuta a migliorare continuamente il sito offrendo agli utenti la migliore esperienza di navigazione possibile.
Marketing Utilizziamo cookies di terze parti anonimi (Google) per proporre banner pubblicitari in siti esterni per i visitatori del nostro sito.

Cosa sono i cookie?
I cookie sono piccoli file di test che i siti internet visitati inviano al proprio terminale (computer, laptop, smartphone, tablet), dove vengono memorizzati. I cookie vengono salvati nella directory del browser. Ad ogni visita successiva del sito in questione, il browser invia nuovamente i cookie al sito stesso, in modo che quest’ultimo riconosca il terminale, migliorando così l’esperienza di utilizzo dell’utente ad ogni successiva visita del sito.

Per approfondire vi invitiamo a leggere la pagina wikipedia di riferimento: Cookie (Wikipedia)
Alte informazioni posso essere trovate ai siti www.allaboutcookies.org e www.youronlinechoices.eu

Gestione dei cookies
I cookies possono essere eliminati o modificati direttamente dal browser dell’utente.
Il visitatore ha il pieno controllo dei cookies e sul loro utilizzo.
Ricordiamo che disabilitando i cookies non sarà possibile accedere alla corretta visualizzazione e utilizzo del sito.

Rimandiamo alle guide dei browser più usati per conoscere le varie modalità di gestione dei cookies:
Guida ai cookies – Chrome
Guida ai cookies – Firefox
Guida ai cookies – Safari
Guida ai cookies – Internet Explorer

Grazie